Feed

feed-image

Selezione di notizie e interventi da FIEI Nazionale

FILEF NUOVA EMIGRAZIONE BELGIO: La nuova ondata migratoria e l’associazionismo

Noi crediamo che i fenomeni migratori possano essere estremamente positivi: la libertà di circolazione, la contaminazione di culture, il desiderio di cambiamento sono tutti legati anche ai processi di mobilità geografica.
Non ci piace un mondo in cui i grandi capitali finanziari si muovono liberamente, senza limiti, e invece si pongono barriere, filtri, muri alla mobilità delle persone, come sempre più sembra prefigurarsi perfino all’interno dell’Europa.
Fatta questa affermazione di principio, è chiaro che purtroppo spesso la mobilità e le ondate migratorie nascono e si sviluppano sulla spinta di quel crescente divario che si impone, anche nelle ricche società del mondo occidentale, tra chi è sempre più ricco e chi, per mancanza di opportunità, è costretto a emigrare.

Espulsioni di cittadini europei. Procedura d’infrazione contro il Belgio, in risposta alla denuncia lanciata da INCA CGIL

COMUNICATO STAMPA- In risposta alla denuncia lanciata da INCA CGIL, la Commissione europea ha lanciato una procedura contro il Belgio, per le espulsioni di lavoratori cittadini europei. L’accusa è di violazione della Direttiva 2004/38 sul diritto di soggiorno dei cittadini UE e del Regolamento 883/2004 sul coordinamento della sicurezza sociale. Ma non c’è da sedersi sugli allori...

La Commissione europea ha lanciato in questi giorni una procedura d’infrazione contro il Belgio (vedi la lettera), per le espulsioni di cittadini dell’Unione europea che hanno perso il lavoro durante il loro soggiorno in Belgio.

“Io sto con la Grecia e tu?” Consegnate al vice Presidente del Parlamento greco, Yannis Balafas, le adesioni alla campagna di Cambiailmondo e FIEI

Il segretario della FIEI e componente del CGIE, Rodolfo Ricci, segnala i risultati della campagna di mobilitazione realizzata attraverso la petizione lanciata dal blog Cambiailmondo e dalla FIEI (Federazione italiana emigrazione immigrazione) sulla piattaforma internet Change.org: “Io sto con la Grecia. E tu ?” (v. Inform, http://comunicazioneinform.it/la-fiei-promuove-una-campagna-a-favore-della-grecia-e-del-suo-governo-io-sto-con-la-grecia-e-tu/)

La petizione ha raggiunto oltre 5.000 adesioni in 5 giorni. Le adesioni provengono dall’Italia e da numerosi paesi europei ed extraeuropei.

"Io sto con la Grecia. E tu ?" - Superate le 5.000 adesioni

Campagna europea a sostegno della Grecia e del suo governo democratico nella difficile negoziazione per il ripristino dei diritti del popolo greco e dei popoli europei

E’ importantissimo far sentire in questi giorni, la voce dei cittadini europei a favore delle posizioni del legittimo e democratico governo greco che si sta battendo per una revisione e del debito. Un debito che è nato privato ed è diventato “pubblico” solo per salvare banche e istituzioni finanziarie (nord europee) che hanno speculato e giocato col fuoco dei derivati.